Barbara Fusco

Insegnante di Zhineng Qigong e Trainer di Focusing

Barbara Fusco si è laureata presso il Dipartimento di Studi Orientali dell’Università “La Sapienza” di Roma.

E’ healer e insegnante qualificata di Zhineng Qigong e di Percezione Interiore, una tecnica incentrata sulla consapevolezza e sul cuore, sviluppata all’interno del Zhineng Qigong dal M° Zhen Qingquan.

E’ Trainer di Focusing abilitata dal Focusing Institute di New York, Counsellor professionista a mediazione corporea.
Continua a studiare e praticare Zhineng Qigong e meditazione sotto la guida dei Maestri Lu Zhengdao, Wang Lin e Zhen Qingquan. Insegna Zhineng Qigong e meditazione a Roma e dintorni e accompagna in percorsi individuali e di gruppo nell’autoascolto attraverso il Focusing e la percezione interiore.

“Donne di Polvere” è il suo primo romanzo.

Barbara Fusco ha seguito studi storici e linguistici e si è laureata presso il Dipartimento Orientale dell’Università La Sapienza di Roma.
Ha studiato due anni in Giappone con una borsa di studio ed è stata corrispondente a Roma della NHK, rete televisiva pubblica giapponese.
E’ stata per diversi anni assistente bibliotecaria della Biblioteca dell’Istituto Giapponese di Cultura di Roma, dedicandosi contemporaneamente allo studio, alla pratica e all’insegnamento del Taiji Quan e del Qigong.
Ha lavorato presso la segreteria organizzativa dell’Università Popolare dello Sport di cui è stata responsabile del settore Discipline Orientali.

L’incontro con le pratiche corporee è avvenuto attraverso il Taiji Quan che ha studiato e praticato per quasi quarant’anni, sia in Cina che in Europa, con insegnanti di altissimo livello.
Consapevolezza della percezione e ascolto del corpo hanno guidato la sua vita personale e professionale.

L’incontro con i libri di Alexander Lowen ha segnato un ulteriore passo nel suo cammino.
Ha frequentato i quattro anni di corso per counselor della S.I.A.B., la Società Italiana di Analisi Bioenergetica fondata da Alexander Lowen, divenendo Counselor professionista.
Con il Focusing e il Zhineng Qigong ha poi riunito i vari percorsi che dall’oriente e dall’occidente individuano nel corpo una via di accesso privilegiata verso la consapevolezza e la ricerca di sé.
Insegna Zhineng Qigong a Roma e online e accompagna in percorsi individuali e di gruppo nell’autoascolto attraverso il Focusing.
È una trainer di Focusing abilitata dal Focusing Institute di New York, fondato da Eugene Gendlin e un’insegnante diplomata online presso l’università di Grand Rosario (Argentina) in Psicologia della percezione interiore, un metodo sviluppato all’interno del Zhineng Qigong dal maestro Zhen Qingquan.
La sua formazione di healer e insegnante di Zhineng Qigong continua sotto la guida dei maestri Lu Zhengdao e Wang Lin, formati dal dott. Pang Ming presso il Centro Huaxia, l’ospedale senza medicine, con corsi online e seminari in Cina e Europa.

Zhineng Qigong

Zhineng Qigong

“Il Qigong è il perfezionamento della coscienza al fine di migliorare lo stato energetico del corpo. Questo porta a una salute vibrante, a un corpo e una mente armoniosi e a una vita spirituale risvegliata”

Maestro Dott. Pang Ming, fondatore del Zhineng Qigong

Counselling

Il Vero Sé, la nostra mente originaria, è in pace, equilibrio e salute qualunque sia la causa di disequilibrio temporaneo che stiamo attraversando.
E’ solo sommerso e nascosto dai problemi e dal vortice dei pensieri.
Nella tradizione del Zhineng Qigong, la via di accesso al Vero Sé è attraverso il corpo.
L’utilizzo sinergico di varie tecniche di ascolto e consapevolezza corporea, come il Focusing, la percezione interiore, la percezione del cuore, l’approccio teorico del “sistema del vero Sé” formulato dal dott. Pang Ming, aiutano a riconnetterci alla nostra fonte, alla sorgente dell’equilibrio, dell’armonia, della salute.

Counseling
Copertina del libro "Donne di polvere" di Barbara Fusco

Donne di polvere

Cosa si cela e cosa si trasmette nella discendenza femminile?
Come possono le donne risalire, senza rimanervi impigliate, a quella eredità di condizionamenti che Jung chiama “il potere di ieri” e le tradizioni orientali identificano come il “cielo anteriore”?
E come portare in salvo il desiderio femminile quando l’apprendistato che lo fonda, socialmente e storicamente, è improntato alla dipendenza, alla mortificazione, al silenzio e all’abbandono?
A queste domande il romanzo Donne di polvere risponde con una immersione “corpo a corpo” nelle inibizioni e nelle risorse, nei crolli psichici e nei colpi d’ala creativi che da una antenata immaginaria giungono, di madre in figlia e da una generazione all’altra, fino al “cielo posteriore”, ai nostri giorni, alla lucida voce di Emma.

Presentazioni

testo testo testo